Disabili, pronto soccorso

Pronto Soccorso e Cure per Disabili

Nella provincia di Novara, esiste un servizio per ridurre i disagi in caso di bisogno di cure sanitarie.

Come si chiama ?

CAP: Centro Assistenza Primaria

Cosa è ?

Un servizio per offrire cure sanitarie, usufruibile da tutti i cittadini dell' ASL Novara, anche stranieri ed extracomunitari.
Inoltre, il servizio dedica particolare attenzione ai pazienti fragili (disabili, anziani, pazienti con malattie croniche, ecc.) e ha previsto una procedura particolare, definita Percorso Protetto.
Gli obiettivi per le persone disabili sono i seguenti:

  • gestire in un luogo appropriato i pazienti con disabilità che possono manifestare scarsa collaborazione per motivi vari,
    che spesso ostacola lo svolgersi della prestazione sanitaria e impedisce la cura completa.
  • limitare al tempo strettamente necessario la permanenza in ambiente ospedaliero della persona disabile e della sua famiglia.
  • fornire i supporti adeguati alla condizione psico-fisica del disabile.
  • garantire al paziente percorsi privilegiati per le cure più frequenti:
    • Pronto Soccorso DEA (Dipartimento Emergenza e Accettazione)
    • Controlli e interventi per patologie odontoiatriche (dentista)
    • Ginecologia
    • Fisiatria
    • Ortopedia
    • Neurologia
    • Cardiologia
    • BPCO (BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva)
    • Diabete in sede ambulatoriale

CAP di Arona

Come si accede ?

  1. Fare normale impegnativa dal proprio MMG (Medico di Medicina Generale o medico di famiglia)
  2. Contattare la caposala del CAP, Signora Elena Parmigiani tel. 0322 516 258, per fissare appuntamento.
    Se il disabile sarà accompagnato da un operatore Anffas, ci sarà un'apposita scheda con i dati socio-sanitari più rilevanti e gli ultimi esami fatti.

Cosa si ottiene ?

Maggiore rapidità per la prima valutazione del bisogno/dolore della persona:

  • Evitare o ridurre le code.
  • Più attenzione da parte del medico incaricato, in particolare quando non c'è collaborazione da parte della persona disabile.

Coordinamento della prenotazione e della erogazione delle prestazioni sanitarie:

  • Orientamento alle famiglie sull'offerta sanitaria, in collaborazione con il proprio medico di base.
  • Coordinamento delle prenotazioni per le visite specialistiche, che potranno essere raggruppate in un'unica giornata (day service).
  • Assicurazione della continuità delle cure.
  • Esecuzione delle prestazioni ambulatoriali in ambiente protetto, con attenzione alle esigenze della persona disabile e della sua famiglia.
  • Collaborazione con operatori e familiari per le nozioni di educazione sanitaria.
  • Esecuzione di piccoli interventi o visite specialistiche che hanno necessità di sedazione, per esempio:
    dentista, ginecologo, pediatra, psichiatra, neuropsichiatra infantile, oculista (solo optometria).

Pronto soccorso2

PRONTO SOCCORSO, DEA di Borgomanero

Cosa si ottiene ?

  1. All'accoglienza, il paziente con disabilità avrà diritto minimo al codice "Verde Urgente".
    Significa che al paziente con disabilità non sarà mai assegnato un codice Verde o Bianco.
  2. Il paziente durante l'attesa sarà ospitato in sala dedicata, quando possibile.
  3. La gestione del percorso nell'ambito DEA (o nel Reparto in caso di ricovero) sarà a cura del personale sanitario:
    • Sarà individuato un infermiere di riferimento (con avvicendamento in caso di cambio di turno lavorativo),
      in modo da garantire un'assistenza personalizzata, dall'ingresso fino al momento della dimissione.
    • Sarà consentita la presenza nell'area DEA di un familiare o di un operatore per l'assistenza al disabile.
    • L'infermiere di riferimento dovrà favorire anche la continuità delle cure dopo la dimissione, interfacciandosi con il CAP,
      per attuare quando necessario il piano assistenziale, condiviso con disabile e suoi familiari.

Disabili, pronto soccorso - 4.0 out of 5 based on 5 votes
Vota questo articolo
(5 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Altro in questa categoria: